Acqua nel corpo umano, risposte e curiosità

L’acqua nel corpo umano ha un legame indissolubile con ogni essere vivente che varia in ragione dell’età, in generale è possibile affermare che il corpo umano è composto dal 60% d’acqua;

Alla nascita un neonato è composto dal 94% d’acqua, crescendo la quantità diminuisce, nello specifico la presenza di acqua in un uomo adulto si assesta intorno al 60% mentre nelle donne al 50% in quanto a differenza degli uomini le donne hanno una minore quantità di tessuto muscolare ricco d’acqua, ed una quantità maggiore di tessuto adiposo povero invece d’acqua.

 

Con l’avanzare dell’età la percentuale d’acqua si riduce ancora attorno al 40-50% del totale peso corporeo.

 

Ma dove si trovo l’acqua nel nostro corpo? Qual è la sua percentuale reale? E perché è talmente importate? Di seguito daremo le risposte a queste domande che suscitano tanta curiosità.

Dove troviamo l’acqua nel corpo umano

L’acqua è presente in ogni distretto corporeo, permette il funzionamento delle cellule stesse, è possibile fare però una distinzione tra liquidi intracellulari e liquidi extra-cellulari ad esempio in un essere umano che pesa circa 70 kg saranno presenti 42 litri di acqua, una proporzione molto elevata distribuita nel sangue, nelle lacrime, nella saliva, nelle ossa e nei muscoli, si trova nel cervello e in ogni organo e cellula del nostro corpo.

 

I liquidi intracellulari sono presenti appunto all’interno delle cellule e permettono ogni genere di trasformazione cellulare alla base del corretto funzionamento dell’organismo, i secondi si trovano all’esterno della cellula:

Le due tipologie di liquidi presenti nell’organismo sono divise dalle membrane cellulari che impediscono agli stessi di venire a contatto tra di loro; la concentrazione degli stessi è essenziale che rimanga costante per permettere il buon funzionamento dell’organismo.

 

Una carenza apparentemente irrilevante che comporta una riduzione dell’acqua del corpo umano del 7% può provocare dei danni talvolta irreversibili, per questa ragione è importante introdurre continuamente acqua per compensare quella consumata.

 

Tutte le azioni che riguardano la perdita e la reintroduzione dell’acqua compongono quello che viene chiamato bilancio idrico.

 

Tendenzialmente l’acqua viene eliminata attraverso l’urina, le feci, fuoriesce dai pori della pelle, si consuma acqua anche respirando.

 

La quantità totale si aggira attorno ai 2,5 litri al giorno, quantità che dobbiamo ri-equilibrare all’interno dell’organismo bevendo e mangiando cibi come frutta e verdura che sono ricchi di acqua.

Distribuzione dell’acqua nel corpo umano

Di seguito andiamo a considerare come è distribuita questo liquido in un corpo umano:

Muscoli

per svolgere le attività di contrazione muscolare è necessaria una presenza d’acqua molto elevata che corrisponde cerca al 75% dalle quantità presente in un corpo;

Tessuto adiposo

nei lipidi troviamo solo il 10% di questo liquido;

Scheletro

il 3% dell’acqua compone invece lo scheletro;

liquido intracellulare

dei 42 litri presenti in un corpo, il 68% dell’acqua è presente all’interno delle cellule;

Liquido extracellulare

i restanti 14 litri sono invece suddivisi nel sangue, nel liquido cerebrospinale, negli occhi, all’interno delle articolazioni e nel sistema linfatico.

acqua nel nostro organismo

Percentuale di acqua nel corpo umano

La percentuale di acqua in un corpo umano si aggira intorno al 70% e varia in rapporto a una serie di fattori, come il peso, dato che la massa magra contiene molta più liquidi rispetto al tessuto adiposo; inoltre l’età è un altro fattore determinante: per esempio un bambino ha una composizione corporea in cui la presenza d’acqua è maggiore rispetto a un uomo anziano.

 

Infine influenzare la percentuale d’acqua nel corpo vi è anche il sesso: è stato dimostrato che una donna ha un quantitativo d’acqua minore rispetto a un uomo data la maggiore presenza di massa magra in quest’ultimo.

 

La quantità d’acqua presente nel corpo, aumenta in maniera esponenziale nel momento in cui si osserva il nostro organismo dal punto di vista molecolare, dato che la percentuale sale al 98% al livello cellulare, mentre il restante 2% sono sostanze ed elementi che compongono i restanti organi.

 

L’acqua nel corpo umano in base all’età

percentuale di acqua nel corpo in base all'età

Come assumiamo l’acqua per il nostro fabbisogno

Nello svolgere le attività quotidiane un corpo utilizza l’acqua consumandola, inoltre parte di essa viene espulsa dall’organismo in diverse forme.

 

Integrare ogni giorno la sua percentuale è un fattore essenziale.

 

Ciò è possibile grazie all’assunzione dell’acqua in maniera diretta e indiretta.

 

Nel primo caso si fa riferimento alla pratica quotidiana di bere acqua dalla fontana o da una bottiglia. Per esempio un bambino intorno ai 6 mesi dovrebbe assumere circa 1 litro di acqua al giorno che diventano 2 litri all’età tra i 9-13 anni.

 

Gli adolescenti, adulti e anziani hanno bisogno tra i 2 e i 2,5 litri al giorno.

 

Ma l’acqua viene assunta anche in maniera indiretta attraverso i cibi.

 

Un’alimentazione equilibrata con la presenza di verdure e frutta e le giuste dosi di carboidrati e proteine permette di poter contribuire in maniera sostanziosa alla quantità d’acqua nel nostro corpo.

L’importanza dell’acqua nel corpo umano

Il corpo umano non può fare a meno dell’acqua. La sua mancanza porta ad effetti negativi sulla qualità della vita e sulla sopravvivenza di ogni essere vivente.

 

L’acqua è essenziale per ogni organo del corpo umano, nei polmoni assicura la giusta lubrificazione delle membrane e permette di respirare meglio, una belle idratata appare più giovane ed elastica; i capelli più forti e vitali e le unghie più resistenti, l’acqua è importantissima per il corretto funzionamento cardio-vascolare, per la digestione e in ogni processo vitale.

 

Ma perché è necessaria una percentuale tanta elevata? Qual è la sua reale importanza? Bisogna considerare quali sono gli effetti che l’acqua produce sia a livello cellulare che per quanto riguarda invece gli organi e i muscoli.

Quali sono gli effetti dell’acqua sull’organismo

Scopriamo quali sono gli effetti dell’acqua sul nostro organismo

Osmosi

grazie all’acqua sarà possibile il trasferimento delle sostanze attraverso le membrane cellulari permettendo l’osmosi. Tale processo prevede il passaggio di sostanze tra due liquidi che sono divisi da una membrana semi permeabile, equilibrando quindi la salinità. Ciò permette quindi alle cellule di trasferire e assumere sostanze necessarie alla loro sopravvivenza.

Reazioni muscolari

l’acqua è necessaria anche per trasferire le sostanze energetiche, sali minerali e calcio necessarie per le reazioni muscolari.

Idratazione

l’acqua determina l’idratazione della pelle, permettendo quindi di mantenerla sempre elastica e giovane, ritardando la presenza di rughe e le macchie. Inoltre contribuisce a mantenere sempre in perfetto stato le fibre muscolari degli organi evitando la disidratazione.

Trasferimento delle sostanze nutrienti

attraverso l’acqua vengono trasferite una serie di sostanze nutrienti fondamentali alla sopravvivenza del corpo umano, come calcio e sali minerali.

Termoregolazione

per un copro umano mantenere la temperatura sempre costante intorno ai 36,5 gradi Celsius è fondamentale al fine di tutelare il cuore e i singoli organi. Ciò è possibile grazie al sudore che contiene acqua.

Azione lubrificante e ammortizzante

la presenza dell’acqua nelle articolazioni e nel tessuto cerebro spinale, ha funzioni anche di lubrificazione oltre a stabilizzare gli organi evitando dei danni.

Cosa succede se un corpo umano non ha acqua: la disidratazione

La mancanza d’acqua può portare a gravi conseguenze. Si definisce disidratazione quel particolare stato fisiologico nel quale si ha un apporto negativo di acqua all’interno del corpo.

 

Ciò significa che un organismo non riceve il giusto bilancio idrico giornaliero. Questo squilibrio porta a interferire sul regolare funzionamento dell’organismo. Infatti come conseguenza diretta della mancanza d’acqua si blocca la sudorazione, il cuore si affatica, le urine diminuisco e non si eliminano le sostanze tossiche nel corpo.

 

Se lo stato persiste si determinano gravi danni agli organi con diminuzione dell’attività muscolare e dell’attenzione oltre a danni permanete.

acqua nel corpo umano

L’acqua nel corpo umano e Acqualife

Assumere la giusta quantità d’acqua pura e potabile è possibile utilizzando i depuratori a osmosi inversa di Acqualife.

 

Grazie alla loro funzione basta aprire un rubinetto per mantenere il corpo sempre idratato e con il bilancio idrico adeguato.

Ritenzione idrica cosa cè da sapere

Ritenzione idrica

La ritenzione idrica indica la tendenza a trattenere liquidi nell'organismo causando un rigonfiamento.Sono molteplici le cause, l'alimentazione, la circolazione sanguigna e molteplici fattori ma esistono altrettanti rimedi per contrastarla. Cos'è…
consumo medio acqua in italia

Consumo medio acqua in Italia e nel mondo

Quando si parla di consumo medio acqua si intende l'uso di un bene da parte di uno o più individui, prendendo in considerazione molteplici fattori.In questo articolo analizzeremo il consumo medio di acqua sia in Italia che nel Mondo, non…
acqua per neonati

Acqua per neonati quale scegliere

Una domanda che molti genitori si pongono è : L'acqua per i neonati quale scegliere ?Non esiste una regola che specifichi quale acqua sia milgiore se quella del rubinetto o quella in bottiglia, ma è importante che abbia delle caratteristiche…
quanto è il residuo fisso nell'acqua

Residuo fisso acqua che cos'è e l'impatto sulla salute

Il residuo fisso dell'acqua è costituito dai sali disciolti, pesati dopo evaporazione ed essiccamento a 180 gradi misurando la quantità di minerali rimasti da un litro d'acqua in mg/L , il risultato dato è come se fosse il suo il DNA perchè…
quanta acqua bere al giorno per una giusta idratazione

Quanta acqua bere al giorno in base al peso e all'età

Quanta acqua bere al giorno affinché il proprio corpo sia in forma e in salute?, in media si consiglia di bere 2 litri d'acqua al giorno, ma a questo quesito però non esiste una risposta unica in quanto ogni persona è fatta in modo diverso…
depuratori-acqua-a-osmosi-per-bere-e-cucinare

Acqualife: L'importanza di cucinare con acqua buona

Consigli e ricette dello chef Luigi GandolaGiovane, sapiente, intraprendente: sono queste le qualità che risaltano dalla professionalità di Luigi Gandola. Nato a Lecco il 27 agosto 1983 mette in mostra da subito il suo estro creativo, dote che arricchisce la sua identità di chef.
depuratori-acqualife-osmosi-inversa-acqua-purificata-estetica-benessere-blog

ACQUA E BENESSERE

il binomio vincente per l'estetica e il benessere Ormai il ricordo dell’estate è lontano e così pure l’abbronzatura ed ora lo smog delle città e il riscaldamento nelle case sono i principali responsabili delle problematiche della pelle,…
depuratori-acqualife-acqua-sana-e-osmosi-inversa-blog

ACQUA SANA L'ELISIR DI LUNGA VITA

l'elisir di lunga vitaL'acqua è il bene prezioso per eccellenza. L’aumento delle sostanze chimiche prodotte dall'uomo ha caricato di sostanze nocive l’acqua lungo il tragitto naturale e necessita quindi di trattamenti specifici per…
CircuitoNetweekottobre2014-depuratoriacqualife

SPECIALE SALUTE: L’acqua migliore? Può essere quella che scende dai nostri rubinetti purché venga trattata.

È noto che l’acqua è la componente principale dei nostri alimenti ed è presente nel nostro corpo in percentuali altissime. Salute e benessere derivano da una corretta idratazione del nostro corpo. L’idrologo francese Claude Vincente,…