La manutenzione con sanificazione naturale del purificatore d’acqua: il segreto per un funzionamento efficace e duraturo

Condividi subito con un amico:

L’acqua è la fonte della vita, un elemento essenziale per il nostro benessere; garantire la sua purezza dovrebbe essere una priorità assoluta.  

Un purificatore d’acqua appresenta una scelta sostenibile e consapevole per migliorare notevolmente la qualità dell’acqua destinata al consumo quotidiano per tutta la famiglia eliminando le impurità, ma anche metalli pesanti, batteri e sostanze indesiderate – che potrebbero essere presenti nell’acqua del rubinetto.

Ti potrebbe interessare: “Rete di distribuzione dell’acqua: come migliorare la qualità nell’ultimo tratto di distribuzione e la ricerca di soluzioni sostenibili”

I vantaggi offerti da Acqualife

Acqualife è un brand specializzato nella vendita di purificatori d’acqua e addolcitori, realtà leader in Italia nel trattamento delle acque, grazie a tecnologie estremamente avanzate e materiali di alta qualità.   

Ogni prodotto segue rigorose linee guida in base a certificazioni in termini di qualità, tutela ambientale, sicurezza e igiene. 

Non solo, Acqualife è in grado di offrire anche un’assistenza mirata ed estremamente efficace al fine di garantire il massimo delle performance delle sue macchine nel tempo. 

Ti potrebbe interessare: “Purificatore d’acqua: i vantaggi per le persone e per l’ambiente”

Sanificazione naturale del purificatore

Sanificazione naturale

Acqualife ha instaurato una collaborazione con Azienda Tecnica, società che si occupa di installazione, cambio filtri e assistenza sugli impianti, attraverso l’offerta di sistemi all’avanguardia.  

Uno di questi è costituito dalla manutenzione con sanificazione naturale, utilizzando l’ozonizzatore, un dispositivo esclusivo in grado di abbattere completamente qualsiasi colonia di batteri.   

Il suo funzionamento prevede l’utilizzo di ozono su tutti i circuiti dellimpianto di depurazione d’acqua, garantendo un livello superiore di igiene.   

 

 

In cosa consiste la manutenzione con sanificazione naturale

Di seguito i singoli passaggi della scrupolosa manutenzione con sanificazione naturale effettuata sulle macchine  Acqualife attraverso la competenza di Azienda Tecnica.

  1. Valutazione preliminare: stato dell’impianto e analisi dell’acqua

Prima di iniziare le attività di manutenzione, viene effettuata l’analisi completa sulle condizioni generali dell’impianto e si procede al test dell’acqua per valutarne la qualità. 

  1. Verifica dell’efficienza dell’impianto

Si passa alla verifica della pressione di esercizio dell’impianto, controllando la pressione di scarico e la portata d’acqua erogata per assicurare che l’impianto funzioni in modo efficiente. 

  1. Sanificazione naturale dell’impianto

Si procede al sistema di sanificazione naturale dell’impianto, una procedura che non ricorre all’uso di agenti chimici come cloro e derivati. Si tratta invece di un approccio ecologico e naturale, che impiega l’ozono per sanificare l’intero impianto. Acqualife e Azienda Tecnica garantiscono in questo modo una sanificazione naturale utilizzando acqua ozonizzata.

  1. Pulizia e sanificazione del beverino d’erogazione

Durante la manutenzione, viene prestata particolare attenzione alla pulizia e alla sanificazione del beverino d’erogazione dell’acqua. Questo processo è essenziale per eliminare possibili residui di sporco che possono accumularsi all’interno del beccuccio. 

  1. Sostituzione del filtro, manutenzione e attivazione

Oltre alla sostituzione del filtro esaurito, viene eseguita la pulizia (spurgo) e l’attivazione del filtro sostitutivo. 

  1. Regolazione dei parametri

Dopo aver completato le fasi di sanificazione e sostituzione del filtro, vengono verificati e regolati i parametri dell’impianto. 

  1. Reset degli allarmi

Tutti gli impianti di trattamento dell’acqua potabile sono dotati di sistemi di monitoraggio per l’usura del filtro. Dopo la sostituzione del filtro stesso, vengono ripristinati i valori preimpostati. 

  1. Nuovo test dell’acqua

Al termine dei lavori, viene eseguito un nuovo test dell’acqua del rubinetto per verificarne i valori.

  1. Verifica finale dell’impianto e dei collegamenti idrici

Con l’ultimo passaggio il Tecnico controlla i collegamenti per verificare che non vi siano usure. 

 

Condividi subito con un amico: