Acqualife e Liberi dalla Plastica: un’alleanza per avere acqua pura e un pianeta senza plastica

Condividi subito con un amico:

L’Italia è il Paese europeo che consuma la maggiore quantità di acqua in bottiglia.  

Le confezioni in plastica PET (polietilene tereftalato) generano, solamente in Italia, 250.000 tonnellate di rifiuti, ma solo 100.000 di queste vengono avviate al processo di riciclo, per essere smaltite correttamente (dati Corepla). 

L’impatto ambientale di questo materiale è devastante. Si stima che il peso della plastica complessiva presente nei mari e negli oceani arrivi a 8 miliardi di tonnellate, circa il doppio del peso totale degli animali terrestri e marini messi insieme (4 miliardi di tonnellate). 

 

 

I consumi per la realizzazione di una bottiglia di plastica

La plastica è un materiale prodotto da composti di carbonio e idrogeno, derivanti principalmente da petrolio e da altri combustibili fossili come il metano. In particolare, la plastica di tipo PET è uno dei polimeri maggiormente utilizzati nel mercato del packaging. Una bottiglia di PET da 1,5 litri pesa circa 35 grammi, il che significa che con 1 chilogrammo di PET si possono produrre circa 30 bottiglie. 

I dati rivelano un aspetto paradossale: per il processo di imbottigliamento e trasporto dell’acqua in bottiglia occorre un consumo notevole di acqua, pari quasi alla metà di ciò che contiene. 

 

Ti potrebbe interessare: “Bonus acqua potabile: come ottenere vantaggi e risparmi sulla tua fornitura idrica”

 

Perché installare un purificatore d’acqua

Installando un purificatore d’acqua presso la propria abitazione si possono ottenere diversi vantaggi.  

 Il principale riguarda la qualità dell’acqua che si beve. Un depuratore d’acqua a uso domestico è in grado di eliminare le sostanze indesiderate che possono essere presenti nelle tubature private. 

Grazie all’uso di un purificatore si ha la possibilità di bere un’acqua maggiormente leggera e salutare, a beneficio dell’organismo.  

Altri vantaggi riguardano:

  • Risparmio economico, dal momento che l’acqua di rubinetto ha un costo decisamente esiguo rispetto a quella in bottiglia; 
  • Facilità di utilizzo, una volta installato, un depuratore d’acqua domestico è semplicissimo da usare e richiede la manutenzione ordinaria  
  • Comodità, considerando che non è più necessario acquistare, trasportare e stipare pesanti casse di acqua in casa; 
  • Riduzione dell’impatto sull’ambiente, in conseguenza dei dati elencati in precedenza con riferimento alle confezioni in PET. 

Ti potrebbe interessare: “Purificatore d’acqua: i vantaggi per le persone e per l’ambiente”

 

Acqualife – Liberi dalla plastica: una partnership all’insegna della salute e dell’ambiente

Acqualife è un brand italiano che produce depuratori d’acqua domestici di alta qualità per il trattamento dell’acqua al punto d’uso. 
I purificatori Acqualife sono realizzati attraverso procedure certificate e tecnologie all’avanguardia.
L’azienda da diversi anni ha avviato una partnership di progetto con Liberi dalla Plastica APS, un’associazione che ha l’obiettivo di ridurre quanto più possibile le materie plastiche nel nostro paese.  

Acqualife Liberi dalla plastica

Cosa prevede la cooperazione tra Acqualife e Liberi dalla Plastica

Acqualife coopera con Liberi dalla Plastica partecipando ai progetti dedicati a Comuni, scuole e Aziende realizzati dall’Associazione, con l’obiettivo di eliminare l’utilizzo delle bottiglie di plastica (l’Italia è il secondo paese al mondo di utilizzo di acqua in bottiglia). Per farlo, mette a disposizione dei filtri per rubinetto per migliorare la qualità dell’acqua di casa. 

 

Condividi subito con un amico: