Bere acqua è importante,più italiani preferisco quella del rubinetto

Luglio 8, 2020

Bere acqua è fondamentale per il benessere fisico di un individuo, un gesto che deve essere ripetuto spesso durante il giorno.

 

Una recente ricerca ha posto attenzione su quali sono le abitudini degli italiani nel bere l’acqua.

 

Una nuova tendenza risulta nell’utilizzo come fonte principale l’acqua del rubinetto.

Bere acqua del rubinetto, quanti italiani lo fanno?

I dati dello studio, realizzato da Open Mind Research 2020 e pubblicati da Acqua Italia, rivelano che il 77,6% degli italiani utilizza l’acqua del rubinetto.

 

La statistica è stata sviluppata prendendo come campione 2.000 persone.

 

È stato valutato il loro comportamento negli ultimi dodici mesi, ponendo attenzione a differenti aspetti:

  • scelta di acqua del rubinetto filtrata o meno;
  • utilizzo di acqua fuori di casa;
  • frequenza del consumo;
  • eventuale impiego di strumenti, come il depuratore domestico.

Si è evidenziato un vero e proprio cambiamento, nell’ambito del comportamento socio economico degli italiani nel bere l’acqua.

 

Basta considerare che il 48% degli intervistati hanno dichiarato di utilizzare quella del rubinetto come abitudine sin dall’infanzia.

 

Se si paragona la crescita negli ultimi 12 mesi, si nota un incremento del 4% di soggetti che preferiscono la fonte del rubinetto ad altre sistemi di integrazione dell’acqua.

Quali sono i motivi per bere acqua dal rubinetto

Ma quali sono i motivi che spingono gli italiani a bere l’acqua del rubinetto, rispetto a quella di altre fonti come le bottiglie?

 

La ricerca ha sottolineato diverse motivazioni.

La comodità

Il 25% delle persone dichiara che bere acqua del rubinetto è semplice, dato che è sempre disponibile.

Attenzione per l’ambiente

Un buon numero di individui, ha deciso di utilizzare l’acqua del rubinetto come forma di rispetto per l’ambiente.

La percentuale è del 24,8%, tra i quali si riscontrano un maggioranza di giovani tra i 18 e i 24 anni.

Maggiori controlli e purezza dell’acqua

Il 24% degli intervistati ha come motivazione che l’acqua di casa è sottoposta a un numero molto elevato di controlli, quindi si ha una maggiore sicurezza della sua purezza.

Economicità

L’aspetto economico influenza molto i bilanci delle famiglie italiane.

Il 19,% dei cittadini utilizza l’acqua di casa per mantenere le spese di casa ridotte.

Presenza di un sistema di filtraggio

Un fattore che contribuisce a spingere le persone a scegliere l’acqua di casa, con il 28% degli intervistati,  è il fatto di utilizzare dei sistemi di filtraggio per la depurazione.

 

bere acqua del rubinetto porta numerosi vantaggi

Quali sono i sistemi di filtraggio più utilizzati in casa

La presenza nelle case di strumenti che prevedono filtri, oppure sistemi di purificazione dell’acqua come un depuratore domestico, è molto elevata.

 

Dalla ricerca Open Mind Research 2020, risulta che il 41,3% delle famiglie con almeno 4 componenti, e il 39% di quelle che ne prevedono 5, utilizza un apparecchio per il filtraggio dell’acqua.

 

Tra questi dispositivi si possono includere le caraffe filtranti, con l’8,6%.

 

Il dato è rimasto immutato rispetto al 2018.

 

I sistemi di depurazione del cloro salgono all’11%, rispetto al 6,3% dell’anno precedente.

 

Si nota un netto incremento di depuratori d’acqua a osmosi inversa, che si attestano sul 2,8%.

Cosa ne pensano gli italiani nel bere acqua del rubinetto fuori casa

Il 40% dei soggetti che già normalmente consumano quella del rubinetto a casa, ha dichiarato di bere il liquido trattato nei ristoranti e bar.

 

Un buon 51% ha sottolineato di non avere nessun problema a un suo utilizzo, nel caso in cui si presentasse l’occasione.

 

Si è anche voluto evidenziare quale sia il comportamento degli italiani riguardo all’approvvigionamento di acqua al fuori delle mura domestiche.

 

La maggioranza di coloro che non hanno l’abitudine di bere acqua dal rubinetto, preferisce comprare acqua in bottiglia presso un esercizio commerciale o un chiosco, mentre un numero ridotto utilizza i distributori automatici.

 

La situazione è molto diversa per le persone che hanno invece l’abitudine al consumo di quella del rubinetto, dato che il 41% preferisce portare l’acqua direttamente da casa.

 

bere acqua depurata fuori casa

La sicurezza dell’acqua del rubinetto

Se si può bere l’acqua del rubinetto, con la sicurezza di non trovare sostanze indesiderate per l’organismo, si è evidenziata una netta differenza tra i consumatori abituali  e quelli invece che non la utilizzano.

 

Solo il 26,8% degli italiani ha dichiarato di essere molto preoccupato per la presenza di agenti chimici, metalli pesanti ed eventuali microrganismi non idonei.

 

Il restante 62,6% ha invece sottolineato di essere solo preoccupato.

 

Se invece si indaga tra coloro che non utilizzano l’acqua del rubinetto, le proporzioni si invertono, dato che il 69% è molto in ansia di una forma contaminazione dell’acqua di casa.

Acqualife per bere acqua in tranquillità

Bere acqua del rubinetto con la certezza che sia pura, è possibile grazie ad Acqualife: un’azienda che negli anni ha sviluppato e progettato strumenti innovativi per il filtraggio dell’acqua, in pieno rispetto dell’ambiente.

 

Ogni prodotto è finalizzato a migliorare la condizione di benessere dei clienti, come nel caso del depuratore domestico ad osmosi inversa.

 

Esso è un apparecchio che potrà essere installato facilmente sotto il lavabo in cucina o sopralavello.

 

Grazie al principio naturale di osmosi, il depuratore Acqualife offre la sicurezza di bere acqua dal rubinetto di casa di qualità, e con la giusta percentuale di sali e calcio.